La forma giuridica di imprese e professionisti

forma giuridica impresa

La prima scelta da fare se vuoi iniziare una tua attività in proprio, d’impresa o come professionista, è quella della forma giuridica. Si dice “forma” proprio perché si tratta del vestito, della scatola, che conterrà la tua attività.

Non esiste una forma giuridica che vada bene per tutti, dipende tutto da te, da cosa vuoi fare e come lo vuoi fare.

Per capire quale sia la forma giuridica più adatta per te, occorre partire da due aspetti fondamentali della tua futura attività, in base ai quali avrai a disposizione opzioni differenti. Ovvero:

  • se si tratta di una attività d’impresa o professionale
  • se vuoi partire da solǝ o con altri sociǝ

Impresa o professionista?

Per scegliere la forma giuridica giusta, devi per prima cosa capire se si tratterà di una attività professionale o d’impresa. Questa non è una scelta, in quanto è l’attività che vuoi concretamente svolgere che si colloca naturalmente in una delle due categorie.

In alcuni casi, è molto semplice capire in quale dei due casi ti trovi. Ad esempio, se vuoi svolgere una professione “classica” (medico, avvocato, commercialista ecc.), si tratterà, ovviamente, di un’attività professionale. Se, invece, vuoi iniziare una attività artigianale o commerciale, sarai sicuramente nell’ambito delle imprese.

Ci sono però alcune attività, prima fra tutte quella di consulente, che può configurarsi sia come professionale che come imprenditoriale, a seconda delle modalità con cui le svolgi.

La legge dice che è imprenditore “chi esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi”. La frase chiave per capire se stiamo parlando di un’impresa oppure no è “attività economica organizzata“, espressione con la quale la legge intende una organizzazione di mezzi, ovvero di capitali e di lavoro.

Nella realtà ci sono ovviamente molte sfumature, ma per avere un’idea di cosa significhi in concreto la definizione che dà la legge, vediamo due casi estremi di come si potrebbe esercitare un’attività di consulenza.

Se presti la tua consulenza lavorando da casa e senza collaboratori, usando in pratica solo il computer e le tue capacità, sarai molto probabilmente unǝ professionista.

Se, invece, apri un ufficio vero e proprio, magari con dei collaboratori e investendo quindi capitali oltre al tuo tempo e alle tue competenze, è probabile che la tua attività abbia natura imprenditoriale.

Da soli o in compagnia?

Il secondo aspetto da tenere in considerazione per capire tra quali forme giuridiche puoi scegliere, è se intendi svolgere la tua attività da solǝ o con uno o più sociǝ. Molte forme giuridiche sono, infatti, riservate all’uno o all’altro caso, mentre le società di capitali possono essere costituite da una sola persona o da più persone.

Proviamo a schematizzare in una tabella le varie opzioni disponibili in base all’analisi fatta sopra: attività professionale o imprenditoriale e in forma singola o associata.

Da solǝCon uno o più soci
ProfessionistaLibero professionistaAssociazione professionale

Società tra professionisti previste da normative speciali
ImpresaDitta individuale


Società di capitali
(srl, spa)
Società di persone (snc, sas)

Società di capitali
(srl, spa)

Le professioni che prevedono un ordine di appartenenza possono essere svolte insieme ad altri costituendo un’associazione tra professionisti, oppure, in alcuni casi, una società.

Queste ultime, infatti, possono essere costituite soltanto tramite forme giuridiche previste da normative speciali di settore (ad esempio, le società tra avvocati, le società di ingegneria e le s.t.p.), ma non tramite forme societarie “classiche”.

Se, invece, vuoi avviare una attività di consulenza, dovresti chiederti se si tratta di una attività svolta in forma imprenditoriale oppure no solo nel caso in cui la volessi svolgere individualmente. Infatti, se vuoi avviarla con altre persone, dovrai aprire senz’altro una società, di persone o di capitali. In entrambi i casi, la legge stabilisce che le società svolgono, in tutti i casi, attività d’impresa.

È il momento di scegliere

Come puoi vedere dalla tabella del paragrafo precedente, dopo aver risposto alle domande fondamentali su tipologia di attività e presenza di eventuali soci, rimane quasi sempre una scelta fra più tipologie di forma giuridica.

La preferenza per l’una o l’altra forma non è la stessa per tutti, perché dipende da moltissimi fattori. Ti do qualche idea, ma ci sono tanti altri aspetti che possono influenzare questa scelta:

  • il volume di entrate che prevedi di avere nei primi anni di attività
  • gli investimenti iniziali che dovrai fare
  • la possibilità di acquisire (altri) sociǝ in futuro
  • la necessità di utilizzare da subito le entrate dell’attività per le tue esigenze personali

Per capire quali aspetti prendere in considerazione e scegliere la forma giuridica giusta per la tua impresa, o la tua attività professionale, devi approfondire bene vantaggi e svantaggi principali delle diverse forme giuridiche.

Se vuoi aiuto per capire qual è la forma giuridica migliore per te, fra società e ditta individuale, puoi prenotare una consulenza, online o di persona. Mi racconterai la tua idea e ragioneremo insieme sull’alternativa migliore per te!

GIULIA RONCORONI

Sono Giulia Roncoroni e il mio lavoro è accompagnarti nel lancio e nello sviluppo della tua idea di business.
Il mio obiettivo è far sì che le preoccupazioni e le difficoltà della partita Iva abbiano il più piccolo impatto possibile sulla tua quotidianità.
Così che tu possa usare il tuo tempo e le tue energie per sviluppare le tue idee e le tue creazioni, fare felici i tuoi clienti e, perché no, vivere la tua vita!